l'uomo che pianta gli alberi

seguici su ..........   

Dicono di Noi ....


Foto Gallery

 ... Unire molte persone che condividono il desiderio di piantare alberi è un sogno che si realizza attraverso la costituzione dell’Associazione “l’Uomo che Pianta gli Alberi”. L’amore per la natura, i fiori, le piante hanno indirizzato e condizionato le scelte nella mia vita tanto da diventare ragione di vita e di lavoro. Sin da piccola durante le passeggiate in campagna, con grande felicità raccoglievo semi per poterli seminare e riprodurre. Nel mio privato ho da sempre piantato gli alberi, sapendo quanto questi siano importanti per l’umanità. Sono queste le ragioni ispiratrici dell’idea di unire le forze e formare un gruppo associativo che, con il solo interesse di contribuire alla tutela del bene ambientale, collabori concretamente al rimboschimento del territorio, piantare alberi ma anche restituire consapevolezza e potere alle persone.

  L’Associazione “l’Uomo che Pianta gli Alberi” viene costituita il 27 febbraio 2012, viene presentata pubblicamente alla presenza di numerosi amici sostenitori nella sala polifunzionale del parco di Monte Claro  a Cagliari il 27 aprile 2012. Il nome trova ispirazione dal fantastico libro di Jean Giono l’uomo che piantava gli alberi, nome che abbiamo voluto trasformare al presente perché è nel presente che vogliamo piantare alberi. 

Il direttivo è costituito da:

 Anna Cadoni (presidente),

 Gianni Anedda (vice presidente),

 Fatima Cadoni (segretario).

Collaborano attivamente e gratuitamente i carissimi amici:

 Paolo Sprega, ideatore e grafico del logo dell'associazione;

 Paolo Mura, WebMaster, videomaker;

 Marco Medda, custode dei semi;

 Paolo Merella e Fiorenzo Massetti, fotografi;

Vorrei  ringraziare i tantissimi sostenitori che a vario titolo collaborano affinché tutto questo si possa realizzare.

L’adesione all’associazione non prevede alcuna iscrizione e si realizza attraverso la partecipazione agli eventi che verranno organizzati, dei quali verrà data notizia e ampia diffusione attraverso il sito internet, la posta elettronica, newsletter, newsgroup, social network (Facebook). Eventuali proventi derivanti dall’attività dell’associazione, donazioni e quant’altro, verranno reinvestiti per la organizzazione di manifestazioni, eventi, convegni e attività associative.

                                                                         Anna Cadoni

Cerca